Estate 2020 - aggiornamento 17/5

Cari Fratelli Scout,

dal primo aprile abbiamo aperto le prenotazioni per le route in Val Codera pur nella totale incertezza sulla possibilità di svolgerle effettivamente, in modo da farci trovare pronti qualora l’evoluzione della situazione sanitaria lo avesse permesso. Ad oggi non abbiamo ancora ricevuto indicazioni chiare né dal Governo, né dall’Agesci nazionale (settimana prossima forse sapremo qualcosa di più). Ci siamo intanto confrontati con Agesci Lombardia, a cui facciamo riferimento (e siamo purtroppo la regione più colpita d’Italia). Le indicazioni che abbiamo ricevuto (insieme a tutti i gruppi lombardi) sono da una parte l’invito a cercare di riprendere l’attività educativa in presenza, nei modi e nei tempi consentiti, dall’altro l’estrema cautela, che possiamo riassumere nei seguenti punti:

  • Sarà necessario garantire e rispettare scrupolosamente le precauzioni e prescrizioni sanitarie che verranno emanate per il periodo estivo (ad esempio i sistemi di protezione individuale e le distanze interpersonali), nonché verificare gli aspetti assicurativi e di responsabilità dei capi (sappiamo che l’Agesci ci sta lavorando)
  • Realisticamente sarà possibile svolgere al massimo attività in piccoli gruppi, non in gruppi numerosi
  • Sono fortemente sconsigliati gli spostamenti su lunghe distanze
  • Sarà necessario dormire in tende singole, non sarà possibile utilizzare gli spazi al chiuso (perché non adatti e non sanificabili)
  • Dovremo garantire la sanificazione dei servizi igienici, ma non sappiamo ancora con quali protocolli, e quindi non sappiamo se saremo in grado di farlo in Val Codera (dove non arriva la strada, non abbiamo la rete elettrica, ecc.)
  • Non sappiamo ancora su quanti custodi potremo contare, sia perché molti non avranno le ferie, sia perché non sappiamo quali misure igienico-sanitarie ci saranno richieste.

Per tutti questi motivi ci riserviamo di aspettare ancora qualche settimana, fino al 10 di giugno, per prendere decisioni definitive, ma allo stesso tempo vi invitiamo caldamente a tenervi aggiornati sulle comunicazioni dell'Agesci, perché potrebbero uscire prima del 10 giugno, e a rivalutare l’opportunità di svolgere la vostra route in Val Codera la prossima estate (eventualmente riprogrammandola per l’anno prossimo) e a progettare route o attività alternative in contesti più adatti.

 

I custodi delle Basi Scout in Val Codera

La Fondazione Mons. Andrea Ghetti Baden

 

Prenotazioni (se non visibile vedi PRENOTA - Calendario)

loader

Norme di comportamento in montagna

In montagna si parte presto, e non si fanno che poche soste.

Norme di comportamento in montagna

Amplia i tuoi orizzonti

Prima di conoscere la val Codera (nel 1939), le Aquile Randagie hanno svolto i loro campi estivi in diverse  zone. Fare una route “al modo delle Aquile Randagie” non significa percorrere la val Codera, significa semmai muoversi con il loro stile, la loro attenzione, la loro preparazione. Visita la PAGINA ALTRE ROUTE AR .

 

Video

 

 

CARTINA

La cartina migliore della valle è QUESTA: si può scaricare liberamente ed esiste un'APP per smatphone. Scopritela QUI alla pagina di cartografia.

 

F.A.Q. ROUTE

  • La "chiacchierata" sulle Aquile Randagie è prevista per TUTTE le unità in route.
  • Le Sante Messe sono celebrate solo da eventuali Assistenti che accompagnano le unità. 
  • Il servizio proposto a TUTTI consiste in lavori manuali per gli abitanti dei paesi di Codera o di Bresciadega.
 

Informazioni generali

 

  • In Codera si sale a piedi, leggeri
  • Si deve portare TUTTO il cibo 
  • Non è possibile campeggiare nei prati
  • D'estate si sale la mattina presto
  • D'inverno può esserci ghiaccio sul sentiero
  • Non si può acquistare cibo
  • La Valle è un luogo storico dello scoutismo italiano
  • I sentieri oltre il rifugio Brasca sono alpinistici
  • E' sempre necessario prenotarsi per salire in valle
  • E' bene fare un servizio per la Valle 
 
 

I quaderni!

Ecco i Diario di bordo della Centralina. Tutti scaricabili dal 2004 al 2016!!!