Prima di conoscere la val Codera (nel 1939), le Aquile Randagie hanno svolto i loro campi estivi in diverse zone, soprattutto delle Alpi. Fare una route “al modo delle Aquile Randagie” non significa quindi necessariamente farla in val Codera: significa semmai farla con il loro stile, la loro attenzione, la loro preparazione.

 

 

Ci sono diversi motivi per mettersi in cammino con le Aquile Randagie esplorando altri luoghi che esse hanno frequentato:

  1. Si tratta di provare l'ebbrezza di preparare una route senza avere a disposizione i sussidi e i consigli che i custodi della Val Codera possono darvi, il che ne aumenta la difficoltà e quindi, per via dell'ottavo articolo della Legge, i sorrisi e i canti.
  2. Si tratta di esplorare zone dove non passano molti scout, quindi l'occasione per fare conoscere l'Associazione e per mostrare che gli scout sono gente in gamba (primo, terzo, quarto, quinto articolo della Legge, soprattutto).
  3. Allargare l'area delle route permette di ridurre l'impatto delle nostre attività sulla val Codera, in continuità con il sesto articolo della nostra Legge.
  4. Alcune zone frequentate dalle Aquile Randagie consentono la realizzazione di route in un ambiente meno selvaggio e complesso di quello delle Alpi Retiche, permettendo così di meglio adeguare i percorsi alle capacità tecniche dei partecipanti e riducendo il rischio di eventuali variazioni impreviste di percorso o condizioni atmosferiche non ottimali (sapete che c'è “l'undicesimo articolo della Legge”: lo scout e la guida non sono stupidi...).

Proviamo a indicare qui sotto alcune possibili tracce di percorsi di route sulle orme delle Aquile Randagie, che hanno la particolarità, oltre a quella di toccare luoghi da esse frequentati, di consentire con un'ultima tappa l'accesso alla bassa val Codera, con la possibilità di pernottamento in Centralina di una chiacchierata al fuoco di bivacco (tema Aquile Randagie!) e di un servizio: quello che manca a un Clan che ha fatto (molta) strada per fare un'attività completa.

 

 
 
 

Prenotazioni (se non visibile vedi menu QUANDO-Calendario)

loader

Amplia i tuoi orizzonti

Prima di conoscere la val Codera (nel 1939), le Aquile Randagie hanno svolto i loro campi estivi in diverse  zone. Fare una route “al modo delle Aquile Randagie” non significa percorrere la val Codera, significa semmai muoversi con il loro stile, la loro attenzione, la loro preparazione. Visita la pagina nel menù COME.

 

Video

 

 

CARTINA

La cartina migliore della valle è QUESTA: si può scaricare liberamente ed esiste un'APP per smatphone. Scopritela QUI alla pagina di cartografia.

 

F.A.Q. ROUTE

  • La "chiacchierata" sulle Aquile Randagie è prevista per TUTTE le unità in route.
  • Le Sante Messe sono celebrate solo da eventuali Assistenti che accompagnano le unità. 
  • Il servizio proposto a TUTTI consiste in lavori manuali per gli abitanti dei paesi di Codera o di Bresciadega.
 

Prenotazione delle basi scout

 

Informazioni generali

 

  • In Codera si sale a piedi, leggeri
  • Si deve portare TUTTO il cibo 
  • Non è possibile campeggiare nei prati
  • D'estate si sale la mattina presto
  • D'inverno può esserci ghiaccio sul sentiero
  • Non si può acquistare cibo
  • La Valle è un luogo storico dello scoutismo italiano
  • I sentieri oltre il rifugio Brasca sono alpinistici
  • E' sempre necessario prenotarsi per salire in valle
  • E' bene fare un servizio per la Valle 
 

Norme di comportamento in montagna

In montagna si parte presto, e non si fanno che poche soste.

Norme di comportamento in montagna

 

I quaderni!

Ecco i QUADERNI della Centralina. Tutti scaricabili dal 2004 al 2016!!!